Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica

lipofilling

LIBERI DALLE OCCHIAIE

 

Abbiamo già un trattamento efficace per le occhiaie, quelle macchie scure sulle palpebre inferiori che ci dà costantemente un aspetto di stanchezza e che difficilmente scompare con i trattamenti abituali.

Cerchi scuri, rughe dell’età e di espressione, macchie e cicatrici danno al viso un aspetto invecchiato che ci fa sembrare più vecchi al primo sguardo. È un problema fastidioso. E noi lo sappiamo.

Il tuo aspetto e il tuo viso sono cambiati. Sarai stanca di sentirti dire spesso che devi riposare un po’ di più.

Oggi ci sono nuove tecniche efficaci per mitigare quelle macchie scure sotto i tuoi occhi.

Il nuovo trattamento per attenuare le occhiaie è il “Nanograft“.

In cosa consiste esattamente? È l’uso del proprio grasso in forma emulsionata per migliorare le occhiaie. Una semplice aspirazione di pochi cc. di grasso che, dopo un trattamento immediato, viene utilizzato per riempire i solchi e migliorare il colore scuro delle palpebre.

Il Nanograft è una procedura molto poco invasiva che trasforma il grasso autologo dei nostri pazienti in un biostimolatore che agisce in modo molto potente contro l’invecchiamento del viso.

Le applicazioni cliniche hanno mostrato notevoli miglioramenti nella qualità della pelle 6 mesi dopo il trattamento. Non sono state osservate infezioni, cisti grasse, granulomi o altri effetti collaterali indesiderati.

Le iniezioni di Nanofat rappresentano il nuovo e più avanzato concetto nel settore del lipofilling; le cellule staminali e i fattori di crescita esercitano nei mesi successivi al trattamento un effetto benefico a livello della cute in grado di produrre i seguenti risultati:

  • Migliorare il tono e la lucentezza della pelle
  • Ridurre le rughe sottili, anche a livello del collo e della zona labiale
  • Schiarire la colorazione violacea delle occhiaie

Il trattamento viene eseguito in anestesia locale e il processo dura poco più di 30 minuti.

Il Nanograft può essere associato e complementare il classico trattamento con acido ialuronico specifico per la zona perioculare o la tossina botulinica.

Il segreto è nella naturalezza

La chirurgia e la medicina estetica nell’immaginario comune rappresentano talvolta un metodo o un sistema per sfuggire all’inesorabile progredire degli anni e al conseguente invecchiamento.
L’incessante e a volte inarrestabile ricerca della giovinezza perenne rischia di produrre quegli artefatti che spesso ci capita di osservare in alcuni noti personaggi o anche nelle persone comuni che non riescono ad accettare il graduale invecchiamento e si ostinano pervicacemente a rincorrere qualcosa che non tornerà più.
Per questo bisogna pensare che la chirurgia e medicina estetica sappiano produrre solo inquietanti maschere un po’ tutte uguali (e che non trovano quasi corrispondenza in natura), dove l’opera del Medico sia tragicamente osservabile?
Assolutamente non è così.
Molti di questi infelici risultati spesso causano nelle persone comuni, desiderose di ottenere solo un ragionevole miglioramento del proprio aspetto, insicurezza rispetto al risultato ottenibile e provocando il timore di trasformarsi in ridicole parodie di se stessi.
Io so, per esperienza, che il modo migliore per rendere un buon servizio ai pazienti è quello di consigliarli e guidarli lungo un percorso corretto, dove lo scopo sia quello di migliorare armoniosamente i difetti e i segni del tempo, senza cedere all’esagerazione nel soddisfare le loro aspettative.
Quindi si a un aumento di volume del seno, ma che risulti naturale conservando la fisiologica forma e la caratteristica morbidezza.
Per il volto, trattamenti mirati alle labbra e agli zigomi in grado di restituire volume e pienezza, senza però alterare in maniera grottesca l’aspetto personale. Botulino e riempitivi delle rughe utilizzati solo dove necessario e con sapienza, senza produrre i tipici volti senza espressione, conseguenza di un utilizzo eccessivo. Privilegiare, quando possibile, solo i trattamenti poco invasivi come il laser resurfacing per levigare la pelle o la nuovissima ridensificazione cutanea, in grado di restituire luminosità e pienezza alla cute del volto, del collo e del décolleté. Non dimenticando anche le mani, che sempre rischiano di svelare la età. Quindi cancellazione delle macchie con laser Q-switched e ristrutturazione con lipofilling e ridensificazione cutanea.
E in caso di ricorso alla chirurgia, naso e palpebre dovranno avere un aspetto “naturale” senza produrre artefatti posticci che rivelino il passaggio del Chirurgo. Per la risospensione dei tessuti e la ridefinizione dei profili del viso o del collo, mini-lifting o soft-lift con fili di sospensione, in grado di assicurare una rapida ripresa delle attività.
In conclusione, la filosofia corretta e vincente prevede interventi mirati, poco invasivi e in grado di produrre risultati perfettamente naturali.

Le nostre mani: specchio dell’età

Le mani, insieme al volto, sono tra le parti del corpo a mostrare precocemente i segni del trascorrere del tempo.

Ciò avviene perchè queste sono le aree più esposte all’azione del sole e degli agenti atmosferici, fattori che concorrono alla perdita di elasticità della cute con formazione di rughe e di di macchie scure; causano l’assottigliamento della pelle facendo affiorare e mettendo in risalto i vasi sanguigni. L’aspetto delle mani quindi nel tempo si modifica. Appaiono come “svuotate” e le strutture ossee sono messe ancor più in evidenza, poichè la cute si avvalla creando inestetiche depressioni.

Per contrastare l’effetto del tempo sulle nostre mani, oltre una buona cosmesi quotidiana, è fondamentale agire preventivamente e correggere quegli inestetismi che sono espressione dello scorrere del tempo.

La biostimolazione e rivitalizzazione della pelle del dorso delle mani viene ottenuta con iniezioni di acido jaluronico (Macrolane) e con infiltrazioni di gel piastrinico arricchito (PRP), in grado di indurre la reidratazione a livello del derma profondo e promuovere il ringiovanimento cutaneo.

In caso di marcato assottigliamento cutaneo, il lipofilling consente di ottenere il miglioramento della qualità e dell’aspetto della cute del dorso delle mani. Tale obiettivo si raggiunge efficacemente inserendo a livello sottocutaneo il proprio tessuto adiposo, prelevato da altre sedi corporee. L’azione del grasso, oltre a ridonare un effetto di riempimento, svolge anche una vera e propria azione di ringiovanimento della cute, con un evidente cambio di aspetto.

Infine, si può ottenere la eliminazione selettiva delle inestetiche macchie cutanee con il laser Q-switched o con il laser frazionale CO2, la cui efficacia è in grado anche di levigare e uniformare l’aspetto dell’intero dorso delle mani.

Si tratta sempre di trattamenti ambulatoriali, poco fastidiosi e che in breve tempo permettono di  ottenere buoni e duraturi risultati.

La correzione del mento piccolo

 Nel corso dell’anno 2011 la procedura cosmetica che negli Usa ha evidenziato il maggior incremento percentuale di casi trattati è stata la profiloplastica del mento.

Questa marcata crescita, che ha interessato individui sia di sesso maschile che femminile in una età compresa tra i 20 e i 60 anni con un picco significativo intorno ai 40 anni, viene messa in relazione con il presupposto che, come risulta da numerosi studi psicologici, un mento più pronunciato e ben definito viene relazionato con una marcata leadership, ispirando inoltre sentimenti di fiducia e onestà.

 La presenza di un mento iposviluppato e poco pronunciato contribuisce a rendere più sbilanciato e meno armonico l’aspetto globale del viso.

Inoltre, superati i 40 anni, l’invecchiamento a livello del volto tende purtroppo ad apparire precocemente a livello del mento e della mandibola per ovvie ragioni di natura gravitazionale.

 Il perfezionamento della proiezione del mento può essere ottenuto sia inserendo una specifica protesi sulla parte anteriore del mento o, più semplicemente, mediante  la iniezione di grasso proprio (lipofilling) o di acido  jaluronico. Talvolta è consigliabile abbinare una micro-liposuzione per eliminare il doppio mento, definendo contemporaneamente il collo e linea della mandibola.

 Queste procedure consentono di ottenere un preciso miglioramento e una definizione del 1/3 inferiore del volto soddisfacendo così tutti quelle persone che non sono alla ricerca di grandi cambiamenti, ma desiderano semplicemente migliorare il proprio aspetto.